INTERPRETAZIONE IN MODALITÀ SIMULTANEA

L’obiettivo principale del corso di interpretazione simultanea è migliorare la tecnica della traduzione a vista che deve avvenire sempre senza leggere prima il testo e riuscendo a tradurre, “a vista” appunto, anche ciò che viene dopo nel testo.

A tal fine è fondamentale un allenamento intenso della memoria a breve e medio termine, che consente di concentrarsi anche su quanto viene detto nella frase successiva a quella che stiamo traducendo (possedere o sviluppare un buon décalage è il miglior modo per affrontare una simultanea).

Avere un buon décalage significa essere in grado di seguire e tenere a mente quanto l’oratore sta dicendo mentre il simultaneista sta ancora traducendo quanto già detto; si noti che questa regola per il tedesco è fondamentale, data la particolare struttura grammaticale e sintattica della lingua. Un buon simultaneista non traduce parola per parola; questo può essere un esercizio propedeutico. Un buon simultaneista deve apprendere la capacità di sintesi necessaria per distaccarsi dal testo originale, senza per questo stravolgerlo.

Non bisogna trascurare il fatto che nel caso del tedesco la capacità di anticipare, che si acquisisce soprattutto con l’esperienza, ma che presuppone un’eccellente conoscenza della lingua e un ricco vocabolario a cui attingere, è estremamente importante.

Gli studenti di interpretazione simultanea sono sempre invogliati a leggere quotidiani e argomenti d’attualità sia sulla stampa scritta tedesca sia su Internet, nonché nei siti web di organizzazioni internazionali come il Consiglio d’Europa. I testi che verranno usati saranno tratti da giornali o dal sito dell’UE e del Consiglio d’Europa; saranno alla portata degli studenti iscritti,  che in ogni caso dovranno impegnarsi al massimo per arricchire il loro vocabolario. Gli studenti verranno aiutati a superare l’imbarazzo iniziale nel venir coinvolti in un interpretazione vera e propria davanti ad un pubblico di colleghi.

Tutto ciò avverrà gradualmente sotto la guida dell’insegnante. Come avviene per la consecutiva, sicuramente è necessaria una certa predisposizione; ciò non toglie che la passione per questa professione e l’impegno accompagnati da studio ed esercitazione costanti con volontà e determinazione possono sopperire ad un’apparente mancata predisposizione.

Gli esercizi per formare un buon simultaneista sono molteplici, ma devono essere eseguiti con costanza e impegno. È fondamentale anche il confronto tra compagni di corso.

BIBLIOGRAFIA

  • AA.VV., Interpretazione simultanea e consecutiva. Problematiche teoriche e metodologie didattiche, Hoepli editore.
  • G. Monacelli, Interpreti si diventa, Franco Angeli Editore 
  • Antonio Cesari, Guida ai servizi linguistici, Inprinting Edizioni
  • Materiale audio e video in lingua (al 95% Hochdeutsch) facilmente reperibile su Internet o anche nei canali stranieri (apposite indicazioni in merito saranno fornite dal docente).