Servizi Linguistici

ASSEVERAZIONE – LEGALIZZAZIONE

La SSML di Padova è in grado di offrire, oltre ai servizi di traduzione e interpretazione, l’assistenza necessaria per quanto riguarda l’asseverazione e la legalizzazione di documenti di ogni tipo (certificati, documenti anagrafici, procure, sentenze, citazioni, titoli di studio, testamenti, statuti societari, contratti, libretti di circolazione, patenti e altro).

ASSEVERAZIONE

(o traduzione giurata)

L’asseverazione (giuramento della traduzione) è l’attestazione ufficiale da parte del traduttore che la traduzione da lui effettuata corrisponde al testo originale. Il traduttore deve portare di persona all’ufficio asseverazioni del Tribunale l’originale, la copia autenticata o la fotocopia del documento e la relativa traduzione da asseverare. A detti documenti viene aggiunto il verbale di giuramento (debitamente compilato in tutte le sue parti, firmato dalla persona comparente, iscritta o non iscritta all’Albo del Tribunale, ammonita ai sensi dell’art. 483 c.p.). Asseverare una traduzione è un atto pubblico di competenza della Cancelleria del Tribunale. Per l’asseverazione è richiesto il pagamento di una tassa di cancelleria sotto forma di bolli: sulla traduzione va apposta una marca da bollo da 16,00 € ogni 100 righe, partendo dalla prima facciata oppure ogni n. 4 pagine (ovvero sulla prima, quinta, nona, tredicesima, ecc.) comprendendo nel calcolo anche il verbale di giuramento. Le 100 righe corrispondono ai tradizionali fogli di protocollo che prevedono facciate di 25 righe di testo. Sul verbale va applicata una marca da bollo da 16,00 €. Le traduzioni esenti da bollo per legge devono riportare sul verbale di giuramento gli estremi della legge che prevede l’esenzione.

LEGALIZZAZIONE

(o traduzione giurata)

La legalizzazione, che riguarda atti e documenti che devono essere fatti valere all’estero in Paesi con cui non vigono accordi internazionali che prevedono l’esenzione dalla legalizzazione, consiste nell’attestazione della qualità legale del pubblico ufficiale che ha apposto la propria firma (per esteso) su un documento, nonché dell’autenticità della firma stessa. Per gli atti redatti dai notai e dai funzionari degli Uffici Giudiziari sono competenti le Procure della Repubblica nel cui circondario ha sede il pubblico ufficiale che ha redatto l’atto. Per tutti gli altri atti amministrativi è competente la Prefettura – Ufficio Territoriale del Governo. L’Ufficio competente controlla che la firma apposta sul documento da legalizzare sia depositata in un apposito Registro custodito nell’Ufficio stesso.

L’annotazione dell’apostille viene effettuata al posto della legalizzazione quando i documenti formati nello Stato devono essere prodotti sul territorio di uno degli Stati che hanno sottoscritto la Convenzione adottata all’Aja il 5 ottobre 1961 (abolizione della legalizzazione di atti pubblici stranieri) o ad essa hanno aderito in seguito.

Talvolta può essere necessario far prima legalizzare la firma del Cancelliere dalla Procura presso il Tribunale, procedendo poi a una seconda legalizzazione presso la rappresentanza diplomatica o consolare estera competente per lo Stato di destinazione e accreditata in Italia; tuttavia, dato che la materia è regolata esclusivamente dalla legge dello Stato di destinazione, si dovranno verificare preventivamente sia l’ammissibilità di questa modalità di traduzione che la necessità di una o entrambe le predette legalizzazioni: si consiglia al riguardo di informarsi presso la competente rappresentanza diplomatica o consolare, individuata dagli elenchi del Ministero degli affari esteri italiano.

Per l’uso negli Stati aderenti alla Convenzione dell’Aja del 5 ottobre 1961, la doppia legalizzazione viene invece sostituita dall’apposizione dell’Apostille, la cui competenza appartiene sempre alla Procura presso il Tribunale.

È prevista l’esenzione anche dall’Apostille per l’uso in Belgio, Danimarca, Francia, Germania, Irlanda, Lettonia, Ungheria.

Possono inoltre sussistere altri casi di esenzione, ai sensi di accordi e convenzioni internazionali o normative comunitarie settoriali, sui quali è necessario assumere preventivamente informazioni.

Le nostre traduzioni sono il risultato di un affiatato lavoro di squadra, indispensabile per garantire un prodotto di qualità.

RICHIEDI SUBITO UN PREVENTIVO Contattaci

Per maggiori informazioni o per ricevere un preventivo dettagliato, potete contattare i nostri referenti:


dott. Gabriele Davini

tel. 0498800138 cell. 3493797325 gdavini@inwind.it

dott.ssa Elena Finco

tel. 0415346457 cell. 3471414946 elena.finking@gmail.com